Il virus spaventa i donatori di sangue e le scorte diminuiscono: appello alla solidarietà

di Salvatore Caruso

Ogni giorni in Italia oltre 1.800 pazienti sono sottoposti a terapia trasfusionale: talassemici, malati oncologici, pazienti sottoposti a trapianti e ad interventi chirurgici d’urgenza che ricevono trasfusioni di sangue e cure con farmaci plasmaderivati.

L’importanza che il sistema trasfusionale assume nell’ambito del più complessivo sistema sanitario italiano è, pertanto,  di tale evidenza che la donazione di sangue è stata riconosciuta “livello essenziale di assistenza” e, quindi, meritevole di ogni azione di sostegno e di promozione perché possa assicurare, in ogni momento e in ogni parte del territorio nazionale, il soddisfacimento dei fabbisogni trasfusionali e il raggiungimento dell’autosufficienza.

E ciò anche in questi tempi di coronavirus, quando la paura del contagio sta allontanando tanti donatori, svuotando i centri di raccolta e determinando non pochi problemi alle strutture ospedaliere con le scorte di sangue che scarseggiano.

Ecco, allora, il moltiplicarsi degli appelli alla donazione e dei richiami sull’importanza di questo gesto di solidarietà – dai più alti livelli istituzionali dello stato a tutte le realtà associative locali – perché, soprattutto in questi tempi emergenziali, il sistema sanitario nella sua complessità possa assicurare a tutti i pazienti le necessarie terapie e cure.

Particolari attenzioni vengono rivolte, poi, a fornire elementi rassicuranti sulla “donazione sicura”, sottolineando come non esistono evidenze né sono stati rilevati casi di trasmissione del covid-19 tramite trasfusioni. Rigidi protocolli e misure precauzionali vengono, infatti, imposti e assicurati lungo tutto il percorso della donazione, dal pre-triage già in fase di prenotazione telefonica all’accoglienza scaglionata dei donatori, dall’anamnesi con visita medica per accertarne l’idoneità,  alla donazione vera e propria, per poi proseguire con la fase post-donazione, ristoro e monitoraggio anche nei giorni a seguire. Misure queste che fanno della donazione di sangue tra le procedure sanitarie a più alto contenuto qualitativo e di sicurezza.

Un’iniziativa di sostegno alla donazione in tal senso e con queste sottolineature è partita proprio in questi giorni  dal comune di Tremestieri Etneo, dove con un atto congiunto sottoscritto dal Sindaco e dal Presidente della Associazione ADVS FIDAS Catania è stato emanato un comunicato / invito rivolto a tutta la cittadinanza a promuovere e non sospendere la donazione di sangue per evitare che ad una emergenza epidemiologica  si sommi anche una emergenza sangue, evidenziando come la donazione del sangue è considerata tra le “situazioni di necessità” e di conseguenza sono consentiti gli spostamenti dei donatori che si recano presso le sedi di raccolta (Circolare Ministero della Salute 10.03.2020).

Un invito che diventa auspicio perché lo spirito solidaristico e il senso di responsabilità che anima non soltanto i donatori di sangue e quanti impegnati nel mondo del volontariato,  ma la stragrande maggioranza dei cittadini possa emergere in questi momenti di difficoltà, quale segno di speranza per un futuro migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *