Il Papa prega con i nonni e gli anziani del mondo: ecco la preghiera del Papa

di Giuseppe Adernò

Domenica 25 luglio è stata celebrata la prima Giornata mondiale dei nonni e degli anziani.

Annunciata nell’Angelus del 31 gennaio scorso e fissata come data in prossimità della festa dei Santi Gioacchino ed Anna, i nonni di Gesù, nell’intenzione di Papa Francesco si legge la volontà d  di celebrare il dono della vecchiaia e di ricordare coloro che, prima di noi e per noi, custodiscono e tramandano la vita e la fede.

 Successivamente nel Messaggio dedicato a questa nuova Giornata, lo scorso 22 giugno il Papa aveva messo l’accento sulla vocazione della Terza età definendola in tre ambiti: “custodire le radici, trasmettere la fede ai giovani e prendersi cura dei piccoli”.

Sono questi i sentieri da percorrere per superare e vincere la solitudine e la sofferenza che la pandemia ha accentuato,

Sempre nel testo guida per questa Giornata il Papa innalzava la sua preghiera speciale affinché “ogni nonno, ogni anziano, ogni nonna, ogni anziana – specialmente chi tra di noi è più solo – riceva la visita di un angelo!” ed è quello che è avvenuto in tante diocesi, nelle quali un attivo servizio di pastorale familiare e sociale ha coinvolto i fedeli al grande evento ed è   stato  bello  vedere nonni e nipoti insieme presenti a San Pietro, ed i giovani alla fine della celebrazione, hanno offerto ai nonni e agli anziani presenti un fiore con il messaggio del Santo Padre: “Io sono con te tutti i giorni”.

Il voler custodire la “tradizione” e gli insegnamenti degli anziani, considerati come risorsa per meglio comprendere l’oggi dovrebbe contribuire ad essere sempre fedeli a quei valori che non sono negoziabili e che non possono essere addomesticati alle esigenze della modernità, spesso negativa e contraddittoria.

In un’epoca in cui l’invecchiamento della popolazione viene presentato come una minaccia o un peso per la società e d un ostacolo alla vita delle comunità cristiane, grazie all’iniziativa del Papa e alle tante testimonianze delle parrocchie, alle attività di volontariato che svolgono gli anziani, possiamo cogliere il dono della loro presenza, necessario per la  cultura della memoria , la riscoperta della fede e dei valori umani e cristiani. Tra questi vi sono la solidarietà tra generazioni e tra le famiglie”.

La preghiera composta per la Giornata mondiale, potrà costituire una positiva opportunità di ringraziamento al Signore per tutti i suoi beni e segnare una luce guida nel cammino della vita di ogni giorno.

Preghiera per i nonni

Ti rendo grazie, Signore,
per il conforto della Tua presenza:
anche nella solitudine,
sei la mia speranza, la mia fiducia;
fin dalla giovinezza, mia roccia e mia fortezza tu sei!

Ti ringrazio per avermi donato una famiglia
e per la benedizione di una lunga vita.
Ti ringrazio per i momenti di gioia e di difficoltà,
per i sogni realizzati e quelli ancora davanti a me.
Ti ringrazio per questo tempo di rinnovata fecondità
a cui mi chiami.

Accresci, o Signore, la mia fede,
rendimi uno strumento della tua pace;
insegnami ad accogliere chi soffre più di me,
a non smettere di sognare
e a narrare le Tue meraviglie alle nuove generazioni.

Proteggi e guida Papa Francesco e la Chiesa,
perché la luce del Vangelo giunga ai confini della terra.
Manda il Tuo Spirito, o Signore, a rinnovare il mondo,
perché si plachi la tempesta della pandemia,
i poveri siano consolati e termini ogni guerra.

Sostienimi nella debolezza,
e donami di vivere in pienezza
ogni istante che mi doni,
nella certezza che sei con me ogni giorno
fino alla fine del mondo.

Amen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *