“Gaetano Zito, Parroco di periferia, intellettuale storico della Chiesa”, Presentato volume di Scorciapino

di Giuseppe Adernò

E’ questo il messaggio che l’Arcivescovo di Catania, Mons. Salvatore Gristina, ha consegnato ai partecipanti all’incontro di presentazione del libro di Pino Scorciapino, pubblicato a cura del Comune di Troina a due anni dalla morte, in occasione dell’intitolazione del piazzale antistante la Chiesa di San Silvestro, per ricordare la memoria dell’illustre cittadino, sacerdote, scrittore, educatore, archivista, cappellano, guida, e come si legge nel titolo “ parroco di periferia, intellettuale storico della Chiesa”.

Le numerose testimonianze che hanno seguito l’intervento del sindaco di Troina, Fabio Venezia, hanno tracciato il profilo storico e teologico di Mons. Gaetano Zito, da 27 anni, cappellano del Monastero delle Benedettine di Via Crociferi, vox clamanantis della devozione a Sant’Agata, intesa come imitazione delle sue virtù.

Il già corposo curriculum vitae di 54 pagine dell’intellettuale della Chiesa di Catania, cultore di storia delle Chiese di Sicilia, del Beato Dusmet, della festa di Sant’Agata, diventa ora un testo guida da leggere, quasi un “bignami” della storia catanese, ricco di documentazioni e di riferimenti da sviluppare per dare seguito a questo “primo tentativo”, disegno base di un mosaico, che nel tempo potrà avere ancor più sviluppo e vivacità di colori e d’immagini.

La serata del 17 dicembre, data che ricorda l’anniversario dell’ordinazione sacerdotale di don Gaetano, celebrata nella Cattedrale di Catania il 1977 dall’Arcivescovo Mons. Domenico Picchinenna, è stata condotta dal giornalista e amico Luigi Ronsisvalle, nella barocca chiesa del monastero di San Benedetto.

Sfogliando le pagine del libro, che “racconta con acuta sensibilità e asciutta sobrietà linguistica la vivace infanzia, le inquietudini negli anni della formazione liceale a Troina, la vocazione sacerdotale, gli studi a Roma, il ministero pastorale a Catania, ” come ha indicato Mons. Salvatore Consoli, vengono segnati i campi di  azione, di lavoro e di servizio: la parrocchia di Monte Po, lo Studio Teologico “San Paolo”, l’Archivio storico della Diocesi, il monastero delle Benedettine.

Dalla lettura del testo appare ben evidente non solo il profilo biografico, ma ancor più la sua ricca e profonda umanità.

Il testo raccoglie anche il testamento spirituale, l’omelia del 25° anniversario di sacerdozio (17 dicembre 2002) ed ancora un mosaico d’interviste, di articoli, di pubblicazioni che innalzano quasi un monumento al sacerdote prematuramente scomparso il 10 ottobre 2019 ed il suo funerale in una Cattedrale stracolma di fedeli e amici di variegata estrazione sociale e culturale, definito “unico”.  ne è stato un segno evidente.

Mons. Consoli ha tracciato le linee dell’autopercezione teologica: “Ciò che so fare viene da Dio”; “ ho realizzato ciò che il buon Dio mi chiede ed ha voluto per me” ed ancora della “percezione ecclesiale” di grande amore per la Chiesa di Catania, che ha desiderato sempre più bella.

L’Imam della Comunità islamica di Catania Abdelhafid  Kheit, ha definito Mons Zito: “uomo del dialogo” aperto all’interazione culturale multireligiosa e multietnica; Arianna Rotondo, ricercatrice di Storia del Cristianesimo delle Chiese all’Università di Catania, ne ha tracciato il profilo di docente, maestro di metodologia e di ricerca storica, mettendo in luce i sui talenti ed il “carisma della voce dell’abbraccio”; Suor Cecilia Messico a nome della Comunità monastica, l’ha presentato come “uomo armonico”, padre e guida spirituale, operaio nella chiesa: “cattedrale di fede” e nell’archivio: “cattedrale di conoscenza e di sapienza”, unendo nel numero 27 gli anni di episcopato del Beato Card Dusmet e gli anni di cappellania del monastero donati da Mons. Zito.

Il commosso ringraziamento ai numerosi amici intervenuti da parte della sorella Antonella Zito ha concluso la presentazione del volume, che la benedizione dell’Arcivescovo ha consacrato come rito di memoria e di affettuosa vicinanza nel costante ricordo e Luigi Ronsisvalle ne ha valorizzato la ricca dimensione di “incontro che lascia un segno” e del protagonismo di un “abbraccio” che lo rende ancora presente.

Ho incontrato un uomo, cresce la mia umanità”. Quanti hanno avuto la fortuna di incontrare Mons. Zito, “sacerdote di tutti”, sono cresciuti in umanità, cultura e impegno di vita cristiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *