Lavori post-sisma nella chiesa Sacro Cuore di Biancavilla con fondi dell’8×1000 e della Diocesi

Consegna ufficiale dei lavori a Biancavilla nella Parrocchia del “Sacro Cuore di Gesù”. Si tratta di alcuni interventi di consolidamento e restauro già finanziati per un ammontare di 400mila euro, provenienti dalla Conferenza Episcopale Italiana, con fondi del 8×1000 riservati al restauro dei beni culturali ecclesiastici, dall’Arcidiocesi di Catania e in parte derivanti da un mutuo che accenderà la parrocchia.

I lavori, eseguiti dall’impresa Cospin, su progettazione dell’ing. Pietro Antonio Furnari e dell’arch. Francesco Anfuso, dovrebbero durare circa 12 mesi e oltre a riparare i danni provocati dal terremoto 2018, saranno restaurati i locali dell’oratorio parrocchiale, verrà tinteggiato l’esterno e l’interno delle strutture e verranno anche sistemata l’impiantistica e alcuni elementi decorativi.

«Quando si restaura un tempio – sottolinea il parroco Don Ambrogio Monforte – è la festa del popolo di Dio, perché è nel tempio che ci esprimiamo, lì viviamo la nostra vitalità la nostra fede, lì riceviamo i sacramenti. La chiesa oltre ad esprimere la nostra identità, esprime il nostro legame con il Signore. Con l’augurio che il restauro del tempio possa anche contribuire al restauro della nostra vita spirituale».

Per dare il via ufficiale, questa mattina è stata celebrata una piccola cerimonia in cui sono stati benedetti i lavori. Presenti oltre al Parroco Don Ambrogio Monforte, anche il vicario foraneo di Biancavilla e Santa Maria di Licodia Don Giovambattista Zappalà, il sindaco Antonio Bonanno e don Carmelo Signorello, direttore dell’Ufficio diocesano per i Beni culturali.

In questi mesi, le funzioni religiose e le altre attività verranno comunque garantite all’interno del salone parrocchiale e degli ampi locali attigui alla struttura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *